Simona Pistorello

simona 1

Quest’anno ho deciso di andare a cercare storie a lieto fine, quelle di persone che ce l’hanno fatta, che hanno dato vita a qualcosa di bello e soprattutto di concreto. La creatività è spesso alla base di molte storie, ma perché ci sia il lieto fine c’è bisogno anche di molto altro. Simona Pistorello, con i suoi acquerelli, è una delle mie eroine: la sua storia inizia con un lavoro stabile ma non gratificante, con una vita fatta di routine e senza grandi soddisfazioni professionali. È quello che cercano molte persone, ma, per chi ama andare oltre, c’è anche molto di più. Simona e suo marito (all’epoca compagno) hanno deciso di abbandonare le sicurezze per rincorrere un sogno, così si sono trasferiti in Salento e hanno cominciato da capo.

simona 4

Dopo i primi riscontri sulla pagina Facebook e i primi mercatini, arriva la scelta di andare fino in fondo, iscrivendosi all’Accademia di belle arti. Tornare a studiare è una scelta difficile e coraggiosa, ma non è certo senza sacrifici che si riesce a trasformare una passione in un lavoro! E infatti i risultati arrivano: se date uno sguardo alla pagina Facebook di Simona e magari vi fate un giro nel suo shop, vi rendete conto che la sua è un’attività che va a gonfie a vele! Il motivo è ovvio: i suoi lavori sono intrisi di un’energia incredibile. Le atmosfere sognanti e la dolcezza dei suoi dipinti non possono non arrivare al cuore.

simona 2

Ho chiesto a Simona quand’è che ha capito di essere sulla strada giusta e lei mi ha raccontato una storia davvero toccante: quella di una ragazza che stava vivendo un momento difficile, ma ha trovato aiuto e una nuova spinta grazie ad un suo quadro, realizzato apposta per lei. Chi ama gli oggetti unici, magari arricchiti anche da una dedica o una citazione, amerà senz’altro i suoi lavori, che sono perfetti per una sorpresa speciale.

simona 3

Io ho tanta strada da fare ancora con il mio lavoro e ammiro davvero Simona, perciò le ho chiesto di dirmi il suo mantra, chissà che non faccia bene anche a me ripetermelo di tanto in tanto: “se puoi sognarlo puoi farlo”.